bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone
bottone

Personaggi Storici

»

Michele Bavasso
» Giuseppe Bruno
» Pietro Cammardella
» Paolino Chidichimo
» Teresa Chidichimo
» Gaetano Di Benedetto
» Pietro Di Benedetto
» Gaetano Dura
» S. Eusebio Papa
» Francesco Genise
» Cosmo Granito
» Costantino Granito
» S. Gregorio Abate
» Rodolfo Guidi
» Biagio Lanza
» Antonio Melomo
» Antonio Minervini
» Francesco Pennini
» Luigi Praino
» Laura Serra
» Giuseppe Troccoli
» Arturo Vellutini
 
 
 
 Storia

Panorama di Cassano Allo Ionio nel XVIII secolo. Da  " Il Regno delle due Sicilie descritto ed illustrato", n. 27, vol. XI - Calabria Citeriore - fasc. XI.

clicca sulle immagini per ingrandirle, ...

Gli storici: Lanza,  Saletta e Minervini, nelle loro monografie sulla storia di Cassano affrontano il problema  delle origini di Cassano, e sono concordi nell'affermare che la città sia stata fondata dagli Enotri verso il sec. XIV-XV a.c. con il nome di Cossa. Sulla base di indizi attendibili e di risultati ottenuti con accurate esplorazioni, scrivono che gli Enotri avessero un’avanzata civiltà, e che fossero contadini e pastori.

Geograficamente Cossa era situata sulle pendici nord-occidentali del monte Marzio (oggi pietra del Castello) in una posizione  compresa tra la contrada Acquarella e la contrada Appicello al di sopra della riva destra del fiume Eiano.  Il nome Cossa venne usato per molto tempo; successivamente dai Romani venne trasformato in Cosa, come si evince dall'affermazione di Cesare che, nel terzo libro del De Bello civili, scrive: ( Mile, pompeianus Dux, Cosam in Agro Turino oppugnare coepit;  cum a Q.Poedio Praetore cum Legione, Lapide ictus esset ex muroperiit). In seguito il nome subì varie trasformazioni fino ad assumere quello attuale di Cassano. Gli Enotri dominarono la città sino alla fondazione di Sibari; ad essa poi si assoggettarono sentendo, tutta l'influenza della sua grandezza e di Sibari seguì le alterne vicende; infatti, quando i Crotoniani distrussero Sibari, rasero al suolo anche Cossa. Quando i Greci ricostruirono Sibari, con il nome di Thurio ,  anche le mura di Cossa furono ricostruite. Nel 669 i Romani occuparono Thurio imponendogli il nome Copia, e la resero colonia romana. La stessa sorte è toccata a Cossa, che divenne  Municipio Romano. Nel corso della lotta tra Cesare e Pompeo,  presso le mura di Cassano cadde il Pompeiano Milone. Caduto l' Impero Romano, Cosa prese il nome di Cassanum; cadde sotto la dominazione dei Longobardi e fu sede di castaldato. Nell'anno 969 Cassano fu teatro di una delle battaglie che Ottone I intraprese contro l'Imperatore d'Oriente Niceforo Foca. Essa subì le scorrerie dei Saraceni, che furono respinti una prima volta nel 1014 e che la occuparono nel 1037. La città visse tempi migliori all'epoca della dominazione dei Normanni. La storia di Cassano è legata molto alla storia del Feudalesimo. Il Feudalesimo esiste a Cassano fin dal tempo dei Longobardi. Fu Federico II,  a sottrarre al giogo feudale la città, per un breve periodo di tempo. Sotto Carlo D'Angiò essa fu infeudata a Pietro De Archis di Rossano ed in seguito ai vari feudatari: Roberto Dianleto,Francesco Sanguinetto conte di Corigliano, e al principe di Bisignano. Cassano fu una delle prime città calabresi che aderì alla rivolta napoletana di Masaniello ed al tempo del dominio di Napoleone subì massacri e saccheggi. Alla  repubblica  Napoletana   diede  un  martire  Gennaro Serra, giustiziato a  Napoli dal Re, suo  parente.  Ai moti risorgimentali presero  parte uomini illustri come Luigi Praino, prima prigioniero e poi assassinato dai  sicari del Re.  Cassano  fu una  delle  prime   sedi vescovili  più  estese  del  meridione d'Italia, poichè  comprendeva, fino a qualche anno fa, due province, Cosenza e Matera. Il sinodo romano del 465 testimonia la presenza di un vescovo a Cassano. Uomini illustri come Mons. Pietro la Fontaine cardinale e poi Patriarca di Venezia, e Pio IV Papa fecero parte del mondo ecclesiastico di Cassano; infatti ebbe tra i vescovi ben 9 (nove) cardinali. Altri personaggi illustri furono Calà Enrico,   difensore    della città   al   cospetto  dell'Imperatore   Ottone I,  S. Eusebio, pontefice, San Gregorio Abate, San Antonio da Cassano.

 

 Prenotatelo contribuirete alla crescita del sito.
Per  informazioni contattare la redazione info@cassanoalloionio.info

328.2888807

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

If your browser supported Java, you'd see an AdvertiserApplet here.

 

 


 

 

|top|

E-mail Redazione: info@cassanoalloionio.info - webmaster@cassanoalloionio.info

© Copyright 2002- 2011 -  Grafica, layout e testi sono di esclusiva proprietà di Web Study ®www.webstudy.it
non è consentito riprodurre o replicare su altri siti qualsiasi parte del portale senza la preventiva autorizzazione di  Web Study
webmaster Gaetano Zaccato collaborazione: G. Fragale, webfinancial - A. Curto, webcontent (2002 - 2003)